Il sapere dell’origine. “Anatolia”, di Annarosa Maria Tonin. Commento critico a cura di Alberto Trentin

         L’ultimo romanzo di Annarosa Maria Tonin, Anatolia, uscito per Digressioni editore, è un’opera di seduzione narrativa, costruita attraverso una successione – ma attenzione: fisicamente inarrestabile più che rapsodica, cosa su cui torneremo – di ammiccamenti, di sguardi, di frasi sottaciute, di brevi lacerti: istantanee descrittive e frammenti dialogici che costruiscono una storia soprattutto per sottrazioni, per mancanze, e nella quale lo … Continua a leggere Il sapere dell’origine. “Anatolia”, di Annarosa Maria Tonin. Commento critico a cura di Alberto Trentin

Una dannata solitudine. Scene da una metropoli a perdita d’occhio, di Alberto Trentin

  Tra la fine degli anni Venti e l’inizio degli anni Trenta, Berlino – e l’intera Germania – vivono una crisi profonda. L’effetto positivo che i contributi esteri per la ripresa e la rinegoziazione dei termini del piano di riparazione dei danni di guerra avevano cominciato a dare vennero annullati dalla crisi americana del ’29. La disoccupazione impennò bruscamente arrivando a interessare il 20% della … Continua a leggere Una dannata solitudine. Scene da una metropoli a perdita d’occhio, di Alberto Trentin

Va tutto a catafascio! Kurt Tucholsky, Karl Valentin e la cultura di Weimar, di Alberto Trentin

  Sicuramente avrete a disposizione per la vita quotidiana trecento macchine inutili più di noi, ma per il resto siete altrettanto ottusi e altrettanto intelligenti, proprio come noi. E che cosa è rimasto di noi? Non frugare nella memoria, in ciò che hai imparato a scuola. È rimasto quel che è rimasto per caso, quel che era talmente neutro da poter giungere fino a voi; … Continua a leggere Va tutto a catafascio! Kurt Tucholsky, Karl Valentin e la cultura di Weimar, di Alberto Trentin

VICTOR SERGE, Poesie – Versioni di Stefano Strazzabosco. Nota biografica di Claudio Albertani

La rivista Finnegans è lieta di ospitare alcune poesie di Victor Serge (pseudonimo di Viktor L’vovič Kibal’čič) tradotte per la prima volta in lingua italiana da Stefano Strazzabosco, che ringraziamo, assieme a Claudio Albertani autore del profilo biografico del  grande poeta russo.   Victor Serge Poesie   FRONTIERA Rive del fiume Ural, il bosco s’inargenta un po’, il fiume si addormenta sulle sabbie, il nibbio … Continua a leggere VICTOR SERGE, Poesie – Versioni di Stefano Strazzabosco. Nota biografica di Claudio Albertani

Lussinpiccolo, l’isola perduta di Sepúlveda – Racconto

Il grande scrittore Luis Sepúlveda è morto il 16 aprile nell’ospedale di Oviedo in Spagna a causa del Covid-19. Nel suo libro “Le rose di Atacama” ha dedicato un intenso racconto all’isola di Lussinpiccolo, a cui era molto legato. Lo pubblichiamo in sua memoria   Per gentile concessione della casa editrice Guanda  “L’isola perduta” di Luis Sepúlveda, in Le rose di Atacama (© Guanda, Milano 2016) * Da OBCT … Continua a leggere Lussinpiccolo, l’isola perduta di Sepúlveda – Racconto

“Luis Sepúlveda, l’uomo del Grande Sud”, di Alessandro de Lisi

       I coccodrilli coi denti veri resteranno nel fiume, nel grande equivoco delle paludi, tra le piante e i rami a filo d’acqua, all’ombra ad aspettare la preda.         I coccodrilli di inchiostro invece sono un’usanza del giornalismo occidentale, tracciano i ritratti dei famosi morti, servono a recuperare la memoria dei tralasciati per il pubblico delle emotività. In questo caso, Luis … Continua a leggere ”Luis Sepúlveda, l’uomo del Grande Sud”, di Alessandro de Lisi

“Cartoline europee”, di Ernesto Cardenal – Versioni di Stefano Strazzabosco

  Dietro ai balconi di ferro fiorito,                                       il mare rosa. Tendoni a righe e ombrelloni colorati, e voci di ragazze dal campo di tennis                                       sotto gli allori. … Continua a leggere “Cartoline europee”, di Ernesto Cardenal – Versioni di Stefano Strazzabosco

UNA PEDALATA NELLA “TECNOSFERA” VENETA. Recensione a «Lungo la Pedemontana. In giro lento tra storia, paesaggio veneto e fantasie » di Paolo Malaguti. A cura di Giovanna Frene

Paolo Malaguti: «Lungo la Pedemontana. In giro lento tra storia, paesaggio veneto e fantasie »  Testo di Giovanna Frene           Forse non esiste oggi termine più abusato e più oscuro di “Antropocene”, il quale, coniato due decadi fa dal chimico, e Premio Nobel, Paul J. Crutzen, intendendo così indicare come avvenuto il passaggio da un’epoca relativamente stabile per la Terra quale … Continua a leggere UNA PEDALATA NELLA “TECNOSFERA” VENETA. Recensione a «Lungo la Pedemontana. In giro lento tra storia, paesaggio veneto e fantasie » di Paolo Malaguti. A cura di Giovanna Frene

Lêdo Ivo: «Essere e sapere». Versioni di Stefano Strazzabosco

  Essere e sapere Versioni di Stefano Strazzabosco   I poveri alla stazione delle corriere I poveri viaggiano. Alla stazione delle corriere allungano il collo come oche per guardare i cartelli dei pullman. E i loro sguardi sono quelli di chi ha paura di perdere qualcosa: la valigia dove tengono una radio a pile e una giacca del colore del freddo in un giorno senza … Continua a leggere Lêdo Ivo: «Essere e sapere». Versioni di Stefano Strazzabosco

Chiaro / Scuro – Interviste sul presente di Delilah Gutman – Manrico Murzi, poeta giramondo

Manrico Murzi, poeta giramondo di Delilah Gutman           Il mio treno giunge puntuale, arriverò a casa di Manrico per le 22.30. È novembre e la pioggia è battente. L’indomani saranno trent’anni dalla caduta del muro di Berlino e il giorno successivo si ricorderà ancora la tragica Kristallnacht. Le luci di Genova evocano una moltitudine di storie, mediatrici tra l’essere umano e … Continua a leggere Chiaro / Scuro – Interviste sul presente di Delilah Gutman – Manrico Murzi, poeta giramondo